Alla scoperta del capodanno a Budapest

Capodanno a Budapest-Fuochi

 

Il capodanno a Budapest, uno dei più economici d’Europa, è uno dei più scelti da chi vuole festeggiare il nuovo anno viaggiando.

Capodanno a Budapest: i luoghi must

Viale Andrassy, lungo il Danubio, offre concerti e spettacoli di intrattenimento, nell’attesa dello scoccare della mezzanotte, del brindisi e dello spettacolo pirotecnico.

Anche in Piazza degli Eroi, si può vivere il capodanno a Budapest in grande stile, non solo perché si balla e ci si diverte fino alle prime luci dell’alba, ma anche perché è uno dei punti strategici da cui vedere i fuochi.

Piazza Vorosmarty, oltre al palco su cui gli artisti locali fanno compagnia al pubblico, ospita anche i mercatini di Natale, per poter curiosare tra gli stand aspettando l’ora X.

Per un capodanno a Budapest alternativo, poi, sono consigliate o le terme di Szechenyi, che restano aperte tutta la notte, o una crociera in battello, ovviamente con open bar.

Capodanno a Budapest: i riti portafortuna

Per il cenone vale una regola ferrea: evitare carne di pollo e pesce, perché, per i più scaramantici, è sinonimo di cattivo auspicio. Sì invece a lenticchie (come in Italia) e alla carne di maiale.

Capodanno a Budapest-Città di notteCome in Italia si dice che le lenticchie durante il cenone siamo di buon auspicio per la ricchezza, in Ungheria si pensa che la carne di pollo o pesce simboleggi il contrario. Che sia solo superstizione o no, per una sera si potrebbe optare ad un altro menù, no? Ovviamente accompagnato da un vino pregiato o da una buona birra locale, tra le più rinomate.

Inoltre, in piazza Vorosmarty, è usanza rompere i palloncini legati intorno alla statua, tirando le bottiglie vuote. Il gesto indicherebbe un taglio netto tra l’anno che sta per finire e quello che sta per iniziare.

Tradizioni, queste, che sono diverse da quelle del capodanno a Praga, e che offrono la possibilità di scoprire i lati nascosti della città durante una delle serate più indimenticabili di dicembre.